Prima Calibrazione Etilometro - Calibrazione nativa - Etilometro ALCO-SERVICE®

Carrello
Contatti
Home
Home
Carrello
Contatti
Spedizione
Spedizione
Italia
Ordine minimo
Alco-Service
Vai ai contenuti
Informazioni Etilometri e Alcol

 

Prima calibrazione dell'etilometro (calibrazione nativa)


E' la calibrazione iniziale dell'etilometro che lo rende idoneo a poter misurare correttamente il valore della concentrazione di alcol nell'espirato (e di conseguenza nel sangue).

Deve essere eseguita con apparecchi di laboratorio specifici prima della messa in commercio di qualsiasi etilometro digitale.


Perchè è importante?

Senza una calibrazione nativa, un etilometro non può restituire correttamente i valori misurati. E' quindi una procedura fondamentale per poter definire tale un etilometro.


Deve essere certificata?

Certamente, è indispensabile il rilascio di un certificato che ne attesti data, modello, numero seriale e risultato della calibrazione. Con il certificato di prima calibrazione il cliente è in grado di stabilire quando dovrà provvedere alla calibrazione periodica che consente di mantenere l'etilometro affidabile nel tempo.


Se compro un etilometro senza Certificato di prima calibrazione?

In questo caso non puoi sapere se e quando l'etilometro è stato calibrato: potrebbe essere rimasto in un magazzino per molto tempo e non restituire i risultati entro la tolleranza prevista.


Se compro un etilometro all'estero?

Attenzione: ogni Stato adotta unità di misura differenti e rapporti di conversione espirato/sangue diversi.

Per capire: un etilometro misura la quantità di alcol nell'espiatro (mg/l ossia milligrammi di alcol nel volume di un litro di aria), esegue poi una conversione matematica e mostra a display la concentrazione di alcol nel sangue (espressa in Italia in g/l grammi di alcol in un litro di sangue, espressa anche in 0/oo).
Questa "conversione matematica" è un rapporto fisso stabilito per legge: in Italia è 1:2300. In altre nazioni è stato diversamente stabilito a 1:2100 (esempio USA), 1:2000 (esempio Francia) e così via. Quindi, se un etilometro viene calibrato in uno Stato in cui vige un rapporto di conversione diverso da quello adottato in Italia, l'etilometro restituisce valori non validi in Italia e non paragonabili ai test eseguiti della Polizia italiana... risulta quindi uno strumento inutile.

Una tabella di esempio per capire questa differenza:

Misura reale: alcol nell'espirato:mg/l
(milligrammi di alcol in un litro di espirato)
Valore mostrato a display: g/l
(grammi di alcol in un litro di sangue)

Conversione 1:2000
USA
Conversione 1:2100
FRANCIA
Conversione 1:2300
ITALIA
0.086 mg/l
0.17 g/l
0.18 g/l
0.20 g/l
0.217 mg/l
0.43 g/l
0.45 g/l
0.50 g/l
0.347 mg/l
0.69 g/l
0.73 g/l
0.80 g/l
Torna ai contenuti